La cripta delle Madonne del latte nella chiesa di S. Luca evangelista

Era il 1997 quando durante i lavori di sistemazione del pavimento della chiesa di San Luca a Maranola venne alla luce un ambiente sotterraneo completamente ricoperto da detriti composti da materiale di risulta.
La sorpresa fu grande quando durante i lavori di svuotamento venne fuori una cripta a croce greca con un notevole ciclo di affreschi in discreto stato di conservazione. Un primo ciclo pittorico è rappresentato da sei Madonne del latte del XIV –XV secolo. Le immagini fanno riferimento ad un luogo di culto dedicato a “Maria Lactans” con ex voto legati ad una maternità sofferta.
Nella piccola abside vi è il ciclo pittorico più complesso in quanto frutto di diverse sovrapposizioni di strati pittorici. Possiamo ammirare una Madonna con Bambino allattante ed una Madonna con Bambino benedicente e Sant’Onofrio. Un altro strato lascia intravedere una Madonna seduta su di un cuscino rosso con Bambino rappresentante una natività ed alcuni frammenti che dimostrano la presenza di San Giuseppe.
Nella cripta oltre ai dipinti vi è un interessante elemento architettonico , una fonte in muratura sulla roccia con una rappresentazione pittorica di una brocca. La fonte doveva contenere l’acqua sacra che purifica e rinnova e simboleggiava insieme al latte della Vergine fecondità per il grembo materno e sorgente di vita spirituale e materiale.
Seguono immagini pittoriche di epoche successive rappresentanti episodi della vita di Cristo come la fuga in Egitto, il gruppo dei magi o la strage degli innocenti. Due interessanti crocifissioni e molte immagini di santi come una Maria Maddalena con i capelli che scendendo coprono tutto il corpo, tre immagini di Sant’Antonio Abbate , San Michele Arcangelo che trafigge un drago, San Giovanni , Santa Caterina , Sant’Erasmo, San Marco e San Luca , San Giacomo Maggiore.
Fonte , Gerardo De Meo
Si ringrazia Don Gennaro Petruccelli , diocesi di Gaeta
Foto di Fausto Forcina Photography
con Marco Ceci Raffaele Capolino Fausto Forcina Angelo Addessi Gennaro Petruccelli Pasquale Melucci Gerardo De Meo


Lascia un commento